Atlante celeste e costellazioni

Tabelle con i dati dei principali oggetti celesti osservabili
Traslitterazione dell'alfabeto greco (lettere di Bayer)
Oggetti visibili mese per mese e relativo deep-sky
A spasso per le costellazioni.

a cura di Paolo Botton
aggiornato: 18 maggio 2011


Il lettore noterà la ridondanza d'informazione nei paragrafi relativi al cielo osservabile nei vari mesi dell'anno. Non si tratta di errori, ma semplicemente di riproporre l'osservazione di oggetti ancora visibili, nel caso in cui non fosse stato possibile apprezzarli nel periodo precedente.
    Tabelle con le coordinate dei principali astri e oggetti osservabili
    L'alfabeto greco (utile per leggere le lettere di Bayer)
    Il cielo di Marzo
    Il cielo di Aprile
    Il cielo di Maggio
    Il cielo di Giugno
    Il cielo di Luglio
    ... altri mesi in preparazione
    Costellazione del Leone e suggerimenti per l'osservazione
    Costellazione di Bootes e suggerimenti per l'osservazione
    Costellazione di Ophiuchus e suggerimenti per l'osservazione
    Costellazione dell'Hydra e suggerimenti per l'osservazione
    ... altre costellazioni in preparazione

Tabelle dei principali astri e oggetti

Costellazioni e loro visibilità.

Stelle doppie, osservabili con piccoli strumenti.

Stelle variabili: periodo, ascensione retta e declinazione.

Oggetti del catalogo Messier: tipo, costellazione, ascensione retta e declinazione.

Oggetti deep-sky: tipo, costellazione, ascensione retta e declinazione.


Alfabeto Greco

In astronomia, così come le costellazioni sono spesso appellate con il loro nome in latino, le stelle che le compongono oltre ad un nome proprio, sono identificate anche con una lettera dell'alfabeto greco, dette Lettere di Bayer.
In genere la stella più luminosa (con valore di magnitudine più basso) prende la lettera greca α (alfa), la β (beta) spetta alla stella che ha una magnitudine immediatamente inferiore (valore maggiore) e via dicendo per le altre stelle.
Nei secoli, molte stelle hanno ridotto la loro luminosità e quindi questa classificazione ha, in parte, perso il suo scopo originario.
Al di là della fisica che regola la variazione di luminosità degli astri, non tutti conosciamo bene il Greco, ecco quindi una tabella dei caratteri più ricorrenti in astronomia (matematica, fisica, ecc.) con la relativa pronuncia italianizzata.


α    alfa
β    beta
γ    gamma
δ    delta
ε    epsilon
ζ    zeta
η    eta
θ    teta (theta)
ι    iota
κ    cappa (Kappa)
λ    lambda
μ    mu
ν    nu
ξ    xi
ο    omicron
π    pi
ρ    ro
σ    sigma
τ    tau
υ    upsilon
φ    fi (phi)
χ    chi
ψ    psi
ω    omega
ϑ    tetasim (Thetasim)
ϒ    upsih
ϖ    piv

NOTA: in alcuni browser datati, le lettere tetasim, upsih e piv non sono visualizzate.


Mese per mese: guida elementare per il neofita

Gli oggetti che meglio si prestano per un primo e semplice approccio all'osservazione visuale, così come si presentano o ripresentano sulla volta celeste al trascorrere dei mesi.


MARZO - SUD
Canis Major
    M41 - ammasso aperto vecchio di circa 210 milioni di anni, a 4 gradi a sud di Sirio, la stella più luminosa del cielo del mese. Contiene circa 100 stelle tra cui diverse giganti rosse. Le stelle dell'ammasso sono distribuite in un volume di 25 o 26 anni luce di diametro e si allontanano a 34 km/sec. Con una stima di distanza di 2.300 anni luce, le stelle risultano distribuite in un'area di 38 minuti d'arco di diametro.
Orion
    M42 - Nebulosa di Orione, famosa nube d'idrogeno ricca di stelle giovani (tra i 10 ed i 100.000 anni).
    Distante circa 1.600 anni luce è la nebulosa diffusa più luminosa del cielo, visibile ad occhio nudo sotto cieli scuri da chi è dotato di buona vista. Spettacolare già con binocoli da 10x50 e oltre, bellissima in tutti i telescopi. Tutta la nube di gas e polveri, non risolvibile visualmente ma solo con fotografie a lunga esposizione, si estende per oltre 10 gradi, per diverse centinaia di anni luce, più della metà della costellazione di Orione.
    La parte visibile della Nebulosa di Orione si estende per circa 66 x 60 minuti d'arco, coprendo un'area pari a quattro volte il diametro della Luna piena, corrispondenti ad un diametro lineare di circa 30 anni luce.
Taurus
    ALDEBARAN - stella principale della costellazione, è una gigante arancione a 68 A.L. da noi. Ha fuso tutto il suo idrogeno di riserva e sta fondendo l'elio che ha prodotto nello stadio precedente. Questo fenomeno ha fatto sì che espandesse il proprio raggio ed ora è grande circa 37 diametri solari.
    M1 - Crab Nebula, resti di una supernova nella costellazione del TORO, vista il 5 Luglio 1054, distante 6000 A.L. e quindi esplosa nel 5054 a.C.
Auriga
    M36, M37 e M38, tre ammassi aperti formati rispettivamente da 70, 200 e 120 stelle, distanti circa 4100-4700 A.L.
    Theta Aurigae, bella stella tripla della costellazione, dista da noi circa 120 A.L. La componente principale Theta Aurigae A è una stella bianca di magnitudine apparente 2.7. La compagna Theta Aurigae B, è una gialla di magnitudine apparente 7.2. Le due stelle hanno una separazione angolare di 3.5". La terza componente, di magnitudine 11, Theta Aurigae C, si trova a 49" ed è una compagna di tipo ottico e non fisico.
Cancer
    M44 - chiamato Presepe o Alveare, è un facile ammasso aperto, visibile anche a occhio nudo (con buona vista).
    Con piccoli strumenti si contano oltre 40 stelle, mentre con aperture maggiori se ne osservano più di 200 delle 350 realmente presenti. Dista circa 500/600 anni luce e la sua età è di circa 400 milioni di anni.
Leo
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
MARZO - NORD
Bootes
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Hydra
    NGC 3242, nebulosa planetaria nel cuore della costellazione; un 20cm risolve bene il disco a 160x, che appare come alone lattiginoso e circolare, ma non la stella centrale.
Coma Berenices
    NGC 4147, ammasso globulare nei pressi di Denebola (costellazione del Leone), ma integrato nell'ammasso locale di Coma Berenices.
    M64 è una galassia soprannominata Black Eye a causa delle aree opache al bordo settentrionale del nucleo che la fanno sembrare un occhio pesto. Si trova nella costellazione di Coma Berenices. Dista 23 milioni di anni luce
    M53 o NGC 5024 è un ammasso globulare, interessante da comparare con l'ammasso globulare NGC 5053, distante circa 1 grado a SE.
M45 - Le Pleiadi
    si tratta di un ammasso aperto molte volte confuso con il piccolo carro a causa dell'asterismo che lo contraddistingue. In questo caso il telescopio non serve; conviene utilizzare un binocolo 10x50 ed una mappa, stampata con uno dei planetari gratuiti o con "PERSEUS".
Ursa Major
    M51 - galassia con ponte di materia che la collega ad una compagna, nei pressi della stella ALKAID. Un telescopio oltre i 20cm di apertura risolve i dischi galattici come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    MIZAR che in arabo significa cintura, ha una magnitudine apparente di 2,40 ed è visibile ad occhio nudo ma chi è dotato di buona vista può notare una debole stella compagna appena ad est, chiamata Alcor. Questa ha magnitudine apparente 4,02, quindi la renderebbe relativamente facile da scorgere, se non fosse così vicina alla più brillante Mizar... L'abilità nel vederle entrambe era un test della vista per le aspiranti guardie dell'imperatore nei paesi arabi. La distanza reale tra le due stelle è superiore ad un quarto di anno luce.
    Mizar ha una componente secondaria, Mizar B, con magnitudine 4,0 che si trova a 380 UA dalla primaria.
    Questo sistema stellare si trova a circa 78 anni luce di distanza dalla Terra.
    M81 e M82 - coppia di galassie. Anche in questo caso un telescopio da 20cm risolve il disco come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.

APRILE - SUD
Cancer
    M44 - chiamato Presepe o Alveare, è un facile ammasso aperto, visibile anche a occhio nudo (con buona vista). Con piccoli strumenti si contano oltre 40 stelle, mentre con aperture maggiori se ne osservano più di 200 delle 350 realmente presenti. Dista circa 500/600 anni luce e la sua età è di circa 400 milioni di anni.
Gemini
    Castore, è una stella tripla e ciascuna delle tre componenti è una stella doppia (sei stelle in tutto). Castore A e Castore B sono doppie spettroscopiche, non risolvibile visivamente. A 70" dalla stella alfa c'è una terza coppia di nane rosse, etichettate come di tipo flare per via del repentino cambio di luminosità. Il gruppo ha un'età di circa 200 milioni di anni.
Hydra
    NGC 3242, nebulosa planetaria; un 20cm risolve bene il disco a 160x, che appare come alone lattiginoso e circolare, ma non la stella centrale.
Coma Berenices
    NGC 4147, ammasso globulare nei pressi di Denebola (costellazione del Leone), ma integrato nell'ammasso locale di Coma Berenices.
    M64 è una galassia soprannominata Black Eye a causa delle aree opache al bordo settentrionale del nucleo che la fanno sembrare un occhio pesto. Si trova nella costellazione di Coma Berenices. Dista 23 milioni di anni luce
    M53 o NGC 5024 è un ammasso globulare, interessante da comparare con l'ammasso globulare NGC 5053, distante circa 1 grado a SE.
Leo
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Bootes
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
APRILE - NORD
Auriga
    M36, M37 e M38, tre ammassi aperti formati rispettivamente da 70, 200 e 120 stelle, distanti circa 4100-4700 A.L.
    Theta Aurigae, bella stella tripla della costellazione, dista da noi circa 120 A.L. La componente principale Theta Aurigae A è una stella bianca di magnitudine apparente 2.7. La compagna Theta Aurigae B, è una gialla di magnitudine apparente 7.2. Le due stelle hanno una separazione angolare di 3.5". La terza componente, di magnitudine 11, Theta Aurigae C, si trova a 49" ed è una compagna di tipo ottico e non fisico.
Ursa Major
    M51 - galassia con ponte di materia che la collega ad una compagna, nei pressi della stella ALKAID. Un telescopio oltre i 20cm di apertura risolve i dischi galattici come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    MIZAR che in arabo significa cintura, ha una magnitudine apparente di 2,40 ed è visibile ad occhio nudo ma chi è dotato di buona vista può notare una debole stella compagna appena ad est, chiamata Alcor. Questa ha magnitudine apparente 4,02, quindi la renderebbe relativamente facile da scorgere, se non fosse così vicina alla più brillante Mizar... L'abilità nel vederle entrambe era un test della vista per le aspiranti guardie dell'imperatore nei paesi arabi. La distanza reale tra le due stelle è superiore ad un quarto di anno luce.
    Mizar ha una componente secondaria, Mizar B, con magnitudine 4,0 che si trova a 380 UA dalla primaria.
    Questo sistema stellare si trova a circa 78 anni luce di distanza dalla Terra.
    M81 e M82 - coppia di galassie. Anche in questo caso un telescopio da 20cm risolve il disco come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    M106, galassia a spirale, vagamente irregolare. Le spirali sono al limite della visibilità con un 20cm. Ha una compagna, NGC4248, a circa 13' a NO. M106 è anche una radiogalassia.
    M101 è una galassia che mostra la sua struttura a spirale estesa e dal nucleo piccolo. Nell'osservazione visuale con un 20cm è praticamente visibile solo la parte centrale.
Canes Venatrici
    M63 è una galassia soprannominata Girasole, talmente luminosa da poter essere osservata anche con piccolo telescopi

MAGGIO - SUD
Cancer
    M44 - chiamato Presepe o Alveare, è un facile ammasso aperto, visibile anche a occhio nudo (con buona vista).
    Con piccoli strumenti si contano oltre 40 stelle, mentre con aperture maggiori se ne osservano più di 200 delle 350 realmente presenti. Dista circa 500/600 anni luce e la sua età è di circa 400 milioni di anni.
Gemini
    Castore, è una stella tripla e ciascuna delle tre componenti è una stella doppia (sei stelle in tutto). Castore A e Castore B sono doppie spettroscopiche, non risolvibile visivamente. A 70" dalla stella alfa c'è una terza coppia di nane rosse, etichettate come tipo flare per via del repentino cambio di luminosità. Il gruppo ha un'età di circa 200 milioni di anni.
Virgo
    M61 è una galassia a spirale barrata, nella costellazione della Vergine.
    M104, la Galassia Sombrero, Costellazione della Vergine.
Coma Berenices
    NGC 4147, ammasso globulare nei pressi di Denebola (costellazione del Leone), ma integrato nell'ammasso locale di Coma Berenices.
    M64 è una galassia soprannominata Black Eye a causa delle aree opache al bordo settentrionale del nucleo che la fanno sembrare un occhio pesto. Si trova nella costellazione di Coma Berenices. Dista 23 milioni di anni luce
    M53 o NGC 5024 è un ammasso globulare, interessante da comparare con l'ammasso globulare NGC 5053, distante circa 1 grado a SE.
Leo
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Bootes
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Serpens
    M5, ammasso globulare a circa 80 A.L.
MAGGIO - NORD
Ursa Major
    M51 - galassia con ponte di materia che la collega ad una compagna, nei pressi della stella ALKAID. Un telescopio oltre i 20cm di apertura risolve i dischi galattici come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    MIZAR che in arabo significa cintura, ha una magnitudine apparente di 2,40 ed è visibile ad occhio nudo ma chi è dotato di buona vista può notare una debole stella compagna appena ad est, chiamata Alcor. Questa ha magnitudine apparente 4,02, quindi la renderebbe relativamente facile da scorgere, se non fosse così vicina alla più brillante Mizar... L'abilità nel vederle entrambe era un test della vista per le aspiranti guardie dell'imperatore nei paesi arabi.
    La distanza reale tra le due stelle è superiore ad un quarto di anno luce. Mizar ha una componente secondaria, Mizar B, con magnitudine 4,0 che si trova a 380 UA dalla primaria. Questo sistema stellare si trova a circa 78 anni luce di distanza dalla Terra.
    M81 e M82 - coppia di galassie. Anche in questo caso un telescopio da 20cm risolve il disco come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    M106, galassia a spirale, vagamente irregolare. Le spirali sono al limite della visibilità con un 20cm. Ha una compagna, NGC4248, a circa 13' a NO. M106 è anche una radiogalassia.
    M101 è una galassia che mostra la sua struttura a spirale estesa e dal nucleo piccolo. Nell'osservazione visuale con un 20cm è praticamente visibile solo la parte centrale.
Canes Venatrici
    M63 è una galassia soprannominata Girasole, talmente luminosa da poter essere osservata anche con piccolo telescopi
Draco
    NGC6543 o Cat Eye Nebula è una piccolo ma brillante nebulosa planetaria nella costellazione del Drago, contiene al suo interno una stella collassata di magnitudine 10.
Hercules
    M13, Grande Ammasso Globulare di Ercole. Questo sistema di stelle dove se ne stimano centinaia di migliaia, è uno dei più brillanti ammassi globulari del nostro cielo. Distante 25.000 anni luce, ha un'estensione di 150 anni luce di diametro.
    M92 è un ammasso globulare brillante nella costellazione di Ercole, più piccolo di M13 ma più concentrato. è già visibile con i binocoli, al limite della capacità visiva dell'occhio umano.
    NGC 6210, debole nebulosa planetaria nella Costellazione di Ercole.
Lyra
    Epsilon Lyrae, costellazione della Lyra. Si tratta di una doppia doppia, ossia di una stella doppia che, risolta con il C8 a 254x, si mostra come composta, in realtà, da una coppia di stelle binarie.
    Vega, stella Alfa della Costellazione della Lyra. Come accaduto per Arcturus abbiamo visto una sferetta luminosa.
    M57, Nebulosa ad Anello, nebulosa planetaria, a circa 2000 anni luce da noi. Presenta un anello di gas toroidale espulso da una stella morente di tipo solare di magnitudine 14.

GIUGNO - SUD
Virgo
    M61 è una galassia a spirale barrata, nella costellazione della Vergine.
    M104, la Galassia Sombrero, Costellazione della Vergine.
Coma Berenices
    NGC 4147, ammasso globulare nei pressi di Denebola (costellazione del Leone), ma integrato nell'ammasso locale di Coma Berenices.
    M64 è una galassia soprannominata Black Eye a causa delle aree opache al bordo settentrionale del nucleo che la fanno sembrare un occhio pesto. Si trova nella costellazione di Coma Berenices. Dista 23 milioni di anni luce
    M53 o NGC 5024 è un ammasso globulare, interessante da comparare con l'ammasso globulare NGC 5053, distante circa 1 grado a SE.
Leo
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Bootes
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Serpens
    M5, ammasso globulare a circa 80 A.L.
Hercules
    M13, Grande Ammasso Globulare di Ercole. Questo sistema di stelle dove se ne stimano centinaia di migliaia, è uno dei più brillanti ammassi globulari del nostro cielo. Distante 25.000 anni luce, ha un'estensione di 150 anni luce di diametro.
    M92 è un ammasso globulare brillante nella costellazione di Ercole, più piccolo di M13 ma più concentrato. è già visibile con i binocoli, al limite della capacità visiva dell'occhio umano.
    NGC 6210, debole nebulosa planetaria nella Costellazione di Ercole.
GIUGNO - NORD
Ursa Major
    M51 - galassia con ponte di materia che la collega ad una compagna, nei pressi della stella ALKAID. Un telescopio oltre i 20cm di apertura risolve i dischi galattici come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    MIZAR che in arabo significa cintura, ha una magnitudine apparente di 2,40 ed è visibile ad occhio nudo ma chi è dotato di buona vista può notare una debole stella compagna appena ad est, chiamata Alcor. Questa ha magnitudine apparente 4,02, quindi la renderebbe relativamente facile da scorgere, se non fosse così vicina alla più brillante Mizar... L'abilità nel vederle entrambe era un test della vista per le aspiranti guardie dell'imperatore nei paesi arabi.
    La distanza reale tra le due stelle è superiore ad un quarto di anno luce. Mizar ha una componente secondaria, Mizar B, con magnitudine 4,0 che si trova a 380 UA dalla primaria. Questo sistema stellare si trova a circa 78 anni luce di distanza dalla Terra.
    M81 e M82 - coppia di galassie. Anche in questo caso un telescopio da 20cm risolve il disco come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    M106, galassia a spirale, vagamente irregolare. Le spirali sono al limite della visibilità con un 20cm. Ha una compagna, NGC4248, a circa 13' a NO. M106 è anche una radiogalassia.
    M101 è una galassia che mostra la sua struttura a spirale estesa e dal nucleo piccolo. Nell'osservazione visuale con un 20cm è praticamente visibile solo la parte centrale.
Canes Venatrici
    M63 è una galassia soprannominata Girasole, talmente luminosa da poter essere osservata anche con piccolo telescopi
Draco
    NGC6543 o Cat Eye Nebula è una piccolo ma brillante nebulosa planetaria nella costellazione del Drago, contiene al suo interno una stella collassata di magnitudine 10.
Lyra
    Epsilon Lyrae, costellazione della Lyra. Si tratta di una doppia doppia, ossia di una stella doppia che, risolta con il C8 a 254x, si mostra come composta, in realtà, da una coppia di stelle binarie.
    Vega, stella Alfa della Costellazione della Lyra. Come accaduto per Arcturus abbiamo visto una sferetta luminosa.
    M57, Nebulosa ad Anello, nebulosa planetaria, a circa 2000 anni luce da noi. Presenta un anello di gas toroidale espulso da una stella morente di tipo solare di magnitudine 14.
Volpetta
    M27, Nebulosa Manubrio; la sua caratteristica principale è quello di avere una forma che ricorda vagamente quella di una clessidra a causa dei due grossi lobi brillanti che la nube possiede; strumenti più potenti, meglio se dotati di appositi filtri, consentono di poter osservare un gran numero di dettagli e sfumature. La stellina centrale, di magnitudine 13,6, è spesso utilizzata come test per verificare la limpidezza della notte stellata utilizzando telescopi da 200mm di apertura.

LUGLIO - SUD
Virgo
    M61 è una galassia a spirale barrata, nella costellazione della Vergine.
    M104, la Galassia Sombrero, Costellazione della Vergine.
Coma Berenices
    NGC 4147, ammasso globulare nei pressi di Denebola (costellazione del Leone), ma integrato nell'ammasso locale di Coma Berenices.
    M64 è una galassia soprannominata Black Eye a causa delle aree opache al bordo settentrionale del nucleo che la fanno sembrare un occhio pesto. Si trova nella costellazione di Coma Berenices. Dista 23 milioni di anni luce
    M53 o NGC 5024 è un ammasso globulare, interessante da comparare con l'ammasso globulare NGC 5053, distante circa 1 grado a SE.
Leo
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Bootes
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Ophiuchus (Il Serpentario)
    leggere la monografia nella sottostante sezione "Astri, costellazioni e relativo deep-sky"
Serpens
    M5, ammasso globulare a circa 80 A.L.
Hercules
    M13, Grande Ammasso Globulare di Ercole. Questo sistema di stelle dove se ne stimano centinaia di migliaia, è uno dei più brillanti ammassi globulari del nostro cielo. Distante 25.000 anni luce, ha un'estensione di 150 anni luce di diametro.
    M92 è un ammasso globulare brillante nella costellazione di Ercole, più piccolo di M13 ma più concentrato. è già visibile con i binocoli, al limite della capacità visiva dell'occhio umano.
    NGC 6210, debole nebulosa planetaria nella Costellazione di Ercole.
LUGLIO - NORD
Ursa Major
    M51 - galassia con ponte di materia che la collega ad una compagna, nei pressi della stella ALKAID. Un telescopio oltre i 20cm di apertura risolve i dischi galattici come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    MIZAR che in arabo significa cintura, ha una magnitudine apparente di 2,40 ed è visibile ad occhio nudo ma chi è dotato di buona vista può notare una debole stella compagna appena ad est, chiamata Alcor. Questa ha magnitudine apparente 4,02, quindi la renderebbe relativamente facile da scorgere, se non fosse così vicina alla più brillante Mizar... L'abilità nel vederle entrambe era un test della vista per le aspiranti guardie dell'imperatore nei paesi arabi.
    La distanza reale tra le due stelle è superiore ad un quarto di anno luce. Mizar ha una componente secondaria, Mizar B, con magnitudine 4,0 che si trova a 380 UA dalla primaria. Questo sistema stellare si trova a circa 78 anni luce di distanza dalla Terra.
    M81 e M82 - coppia di galassie. Anche in questo caso un telescopio da 20cm risolve il disco come alone lattiginoso e dopo alcuni minuti sull'oculare, si incomincia a distinguere il nucleo come un punto più luminoso.
    M106, galassia a spirale, vagamente irregolare. Le spirali sono al limite della visibilità con un 20cm. Ha una compagna, NGC4248, a circa 13' a NO. M106 è anche una radiogalassia.
    M101 è una galassia che mostra la sua struttura a spirale estesa e dal nucleo piccolo. Nell'osservazione visuale con un 20cm è praticamente visibile solo la parte centrale.
Canes Venatrici
    M63 è una galassia soprannominata Girasole, talmente luminosa da poter essere osservata anche con piccolo telescopi
Draco
    NGC6543 o Cat Eye Nebula è una piccolo ma brillante nebulosa planetaria nella costellazione del Drago, contiene al suo interno una stella collassata di magnitudine 10.
Lyra
    Epsilon Lyrae, costellazione della Lyra. Si tratta di una doppia doppia, ossia di una stella doppia che, risolta con il C8 a 254x, si mostra come composta, in realtà, da una coppia di stelle binarie.
    Vega, stella Alfa della Costellazione della Lyra. Come accaduto per Arcturus abbiamo visto una sferetta luminosa.
    M57, Nebulosa ad Anello, nebulosa planetaria, a circa 2000 anni luce da noi. Presenta un anello di gas toroidale espulso da una stella morente di tipo solare di magnitudine 14.
Volpetta
    M27, Nebulosa Manubrio; la sua caratteristica principale è quello di avere una forma che ricorda vagamente quella di una clessidra a causa dei due grossi lobi brillanti che la nube possiede; strumenti più potenti, meglio se dotati di appositi filtri, consentono di poter osservare un gran numero di dettagli e sfumature. La stellina centrale, di magnitudine 13,6, è spesso utilizzata come test per verificare la limpidezza della notte stellata utilizzando telescopi da 200mm di apertura.
AGOSTO - SUD
... costellazione...
    nome oggetto - descrizione...
AGOSTO - NORD
... costellazione...
    nome oggetto - descrizione...

Astri, costellazioni e relativo deep-sky

Costellazione del Leone

Il Leone offre una serie interessante di stelle doppie e multiple...
Regulus (Regolo o Alfa Leonis) è una doppia a 75 anni luce dalla Terra; la primaria (A) è di magnitudine 1,4 mentre la componente secondaria (B) è di magnitudine 8,2 e si trova a circa 3' a nord-ovest. La primaria risulta bianca mentre la compagna è gialla. La loro separazione le pone a circa mezzo anno luce di distanza.
La componente secondaria B è a sua volta una stella doppia stretta, ossia con una separazione angolare di 2,5" con la compagna (detta componente C) che attualmente si trova ad Est.
Anche Regolo ha una stella che gli orbita attorno in 40 giorni, ma essendo una doppia estremamente stretta, non è osservabile con strumenti amatoriali.
Algieba, ossia Gamma Leonis, è una coppia di stelle gialle facilmente risolvibile a bassi ingrandimenti.
Prendendo come riferimento Denebola, spostando l'osservazione in direzione di Zosma, alle coordinate RA 11h 34m 42s, Dec +16° 47' 49", si trova una bella stella tripla, 90 Leonis di magnitudine 6,24; le componenti A e B sono molto strette, una gialla e l'alta Arcturus al blu. La componente C si trova a circa 1' e appare come un punto di magnitudine 9,8.
Infine ecco 88 Leonis, alle coordinate AR 11h 31m 44s, Dec +14° 21' 50". Si tratta di una doppia estremamente facile con le componenti di diversa luminosità e la primaria bianco-gialla.
Per chi vuole cimentarsi, c'è una triade di galassie poco a sud di Chort (Theta Leonis), M65, M66 e NGC3628, rispettivamente di magnitudine 9,2 8,9 e 9,5. Centrando M65 (RA 11h 18m 55s, Dec +13° 05' 32") a medi ingrandimenti, è possibile tentare di risolvere le altre due del gruppo locale.


Costellazione di Bootes (Il bifolco)

Arturo, dal latino Arcturus (derivato dal greco arktos oura, ossia "coda dell'orso" perché individuabile a partire dalla cosa dell'Orsa Maggiore, è la terza stella più brillante del cielo, dopo Sirio e Canopo (questa non visibile dalle nostra latitudini).
Arturo è una stella di popolazione II e quindi dovrebbe trovarsi confinata nell'alone galattico e non a soli 36 a.l. da noi... Di fatto, ha un'orbita molto ellittica attorno al centro galattico e nel corso del suo moto orbitale si trova a transitare vicino al Sistema Solare, che è immerso nel piano galattico. Arturo ha un moto proprio notevole, di circa 2,25" all'anno.
Nell'asterismo a forma di aquilone che contraddistingue la costellazione di Bootes, Epsilon (ε) Bootis, o Izar, è una delle stelle doppie più belle del cielo, formata da una gigante arancione e da una compagna bianca di 5a grandezza, appartenente alla sequenza principale situata ad appena 2,6" verso nord.
Il sistema binario si trova a 210 a.l. di distanza e la separazione effettiva dei due astri ammonta a 185 U.A., con periodo di rivoluzione superiore ai 1000 anni.
Gli oggetti deep-sky che vi si possono osservare sono:
NGC 5466, ammasso globulare che alcuni ritengono perfino più bello di M3. Si tratta di un immenso ammasso globulare, sfera di mezzo milione di stelle più vecchie del Sole. Si trova a 30.000 anni luce da noi. Catalogato anche come NGC 5272, è uno dei circa 150 ammassi globulari che orbitano l'alone della nostra galassia.
NGC 5529, galassia osservabile di taglio (di 12a grandezza, difficilmente risolvibile con piccoli telescopi);
NGC 5557, galassia ellittica;
NGC 5544 e 5545 (o Arp 199), coppia di galassie interagenti, osservabili con seeing particolarmente favorevole.


Costellazione di Ophiuchus (Il Serpentario)

La costellazione di Ofiuco si trova inscritta all'interno di un asterismo formato da quattro stelle estremamente brillanti: ALTAIR (costellazione dell'Aquila), ARTURO (costellazione di Bootes) e ANTARES (costellazione dello Scorpione).
Inquadrando già solo con un binocolo 10x50 CEBALRAI, o β (beta) Ophiuchi, con un piccolo spostamento di 1,5° per Nord-Nord-Est, s'incontra l'ammasso aperto IC 4665 di cui è possibile notare una quindicina di stelle con magnitudine variabile tra 7 e 9 in un campo di 40'. Con un telescopio non si devono superare i 30 ingrandimenti.
Lungo un'ipotetica linea retta, a 10° Est da questo ammasso ne ne trova un altro: IC6633, più compatto del precedente con una popolazione di circa 40 stelle con magnitudini tra 8 e 11.
Proseguendo di altri 3° Est si trova IC4756; contiene circa 90 stelle con magnitudini tra la 9 e la 12 in un campo di almeno 40'. A circa 5° 50' Est-Sud-Est di Cebalrai è possibile osservare 70 Ophiuchi, una stella doppia, distante 16,6 anni luce e che ha un periodo orbitale di 88 anni. Le sue componenti hanno magnitudine 4,2 e 6,0, e la separazione è di 5,6" ma che tende a crescere per Arcturus per raggiungere, nel 2024, 6,7°. La doppia è separabile con un telescopio a 100 ingrandimenti.
Opfiuco ci regala anche due ammassi globulari: M10 e M12, distanti 8° e 10° Est dalla coppia di stelle formata da YED PRIOR e YED POSTERIOR. Distano da noi circa 15000 anni luce ed un binocolo 10x50 li risolve come batuffoli nebbiosi. Un piccolo telescopio, a 100 ingrandimenti riesce già a risolvere gli ammassi in piccoli punti luminosi. Un 20cm non ha problemi a risolvere in stelle i due ammassi.


Costellazione dell'Hydra (Idra)

La costellazione dell'Hydra è ben visibile in Giugno, sebbene a declinazioni negative, poco sopra i 25° sopra l'orizzonte.
Alphard, (&alfa; Hydrae) è una gigante arancione a 177 anni luce da noi con un diametro di 48 milioni di chilometri.
A Sud-Est della testa dell'Idra si trova una coppia di galassie visibili a partire con un telescopio da 8": NGC 2713 e NGC 2716, visibili entrambi a 200x. La prima è allungata, mentre la seconda è più tondeggiante.
NGC 3242 è una nebulosa planetaria chiamata Fantasma di Giove, visibile in un buon cercatore e perfino con un filtro selettivo OIII avvitato all'oculare, sebbene lo studio di questa nebulosa anomala debba essere effettuato senza interferenziali.
Ai confini con la costellazione del Cratere, nel riquadro bianco visibile nella precedente carta celeste, si trova una stellina, V Hydrae: una variabile al carbonio. Appare rossa visualmente e varia con un periodo di circa 17 mesi, modulato su un intervallo di variabilità che dura 18 anni. Il periodo più breve porta la stella ad oscillare tra 6,5 e 9,5 ed è quindi visibile con un binocolo 10x50.


© Paolo B.
www.000webhost.com